Design, design e.. design

15 luglio 2015 on Marketing by amministratore

Il design ha il ruolo di rendere evidenti le connessioni tra saperi lontani, dando al pubblico una visione a 360° dei problemi e delle possibili soluzioni.
Gli ambiti in cui il design sta acquisendo un ruolo sono in costante espansione, arrivando a coprire tutti i campi in cui l’uomo esprime se stesso, i propri bisogni e le proprie aspirazioni. Pensiamo alla ricerca in ambito industriale oltre alla sperimentazione in ambito artistico. Ma pensiamo anche alla crescente sensibilità artistica in contesti diversi, come il food, oltre che nell’oggettistica, nella progettazione di ambienti. Qualunque sia il contesto di riferimento il design rappresenta per l’Italia un asset valoriale di grande rilevanza, riconosciuto a livello internazionale.
E’ importante rilevare come oggi il design abbia acquisito sempre più valore a livello collettivo. Da un lato le persone sono sempre più attente a questa componente. Le aziende stanno iniziando sempre più a scoprire e valorizzare il ruolo del design e della figura del designer. L’importanza e il valore che il design sta assumendo, toccando tanti ambiti differenti tra loro.
Il design è parte integrante del processo creativo. Quando si progetta una forma, si deve essere in grado di bilanciare contenuti di tipo progettuale, strutturale ed estetico. La forma dà sostanza fisica alle idee creative e lo shape design è un elemento fondamentale dell’identità di prodotto e dell’esperienza di marca. Un packaging di qualità dovrà essere ergonomico, maneggevole, facile da usare, ma dovrà anche tenere conto del materiale più idoneo in relazione al contenuto e, oggi più che mai, avere un impatto ambientale sempre più ridotto, individuando materiali da fonti rinnovabili, biodegradabili e computabili.
Il design è spesso un momento di coesione tra le istanze del cuore e quelle della mente. Nella progettazione di un nuovo packaging la vera sfida consiste nella capacità di trovare il giusto equilibrio tra funzionalità ed estetica. Un packaging ben congegnato deve essere attraente, ma allo stesso tempo funzionale. Bisogna creare oggetti desiderabili e che invita all’interazione: oggetti da prendere, toccare e amare.
Il compito del designer è innanzitutto quella di andare alla ricerca dell’anima più profonda di ciascun brand o prodotto, per plasmarla con originalità e mestiere in una nuova forma e dar vita a una nuova storia di successo, capace d instaurare una relazione intima con il consumatore. I nuovi strumenti tecnologici, inoltre, potenziano ulteriormente la capacità comunicativa di un brand o di un prodotto, favorendo la costruzione di una relazione sempre più interattiva, dinamica e personalizzata con il cliente. In effetti, il design di un oggetto, di un luogo o di un marchio, racchiude e racconta una storia; accoglie in sé l’eredità del passato ma si proietta nel futuro. E a tal riguardo, una delle abilità che bisogna sviluppare è quella di saper individuare oggi ciò che dovrà vivere anche domani e dopodomani. Un marchio, in effetti è la sintesi tra passato e futuro, un segno contemporaneo che racchiude in sé la storia, i valori e le aspirazioni dell’azienda. Il designer deve essere in grado di interpretare con originalità ed intuizione la vision aziendale, con l’obiettivo di far evolvere l’identità visiva di un brand o di un prodotto, proponendo un’innovazione “disruptive” capace di lasciare un segno indelebile nella mente del consumatore di oggi e allo stesso tempo di guardare a nuovi mercati e ai clienti che verranno.
In tutti i campi in cui il design si esprime, non si può prescindere dall’individuazione di una forte interazione e di un equilibrio fra innovazione, applicazione tecnologica, buon disegno e interesse per il singolo e per la collettività. Il punto di arrivo di questo processo dovrebbe essere rappresentato dal design sostenibile.
Passione creativa e pensiero strategico
Ispirati dalla strategia creativa, lavoriamo con l’obiettivo di creare packaging che non solo abbiano un forte impatto a scaffale, ma lascino un segno nella mente del consumatore. Quindi, gli elementi per creare un buon packaging sono:
- forma e materiali innovativi
- struttura razionale dei contenuti
- copy d'impatto
- qualità del visual
- design grafico originale
(da ADV)
Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+
No Comments Yet

Leave a Comment